La tecnologia al giorno d’oggi fa parte della nostra vita.
Siamo sommersi da computer, cellulari, console, videogiochi, reti telefoniche, codici ecc…
Noi siamo un po come dei computer programmati per fare il nostro dovere, obbedire agli ordini, siamo in costante evoluzione, immagazziniamo informazioni e le elaboriamo per formulare dei discorsi.
Il XXI secolo si può sintetizzare in un unica parola, evoluzione, ci siamo evoluti, siamo andati oltre alle nostre capacità, abbiamo creato dei computer dotati di una loro intelligenza, abbiamo costruito degli umanoidi capaci di interagire parlando con noi, abbiamo inventato le macchine elettriche per rendere il mondo più ecologico, abbiamo aiutato persone con gravi difficoltà celebrali e fisiche con esoscheletri, permettendo a loro di parlare e di camminare da soli per la loro prima volta.
La tecnologia si, ha migliorato la nostra vita ma dall’altro lato la sta anche rovinando..
Con l’invenzione dei social network come Facebook, Twitter, Instagram ecc, abbiamo incrementato la vita virtuale, costruendoci un mondo tutto nostro basato sugli “amici”, della quale nella maggior parte dei casi non conosciamo, sui “mi piace” e sulla popolarità…
Di recente, si è venuto a sapere che tutti noi siamo spiati, controllati, ovvero sanno cosa facciamo in quel preciso istante, sanno dove abitiamo, il nostro numero di cellulare, quanti membri ci sono nella nostra famiglia, quali prospettive hai per il futuro e persino il bar dove ogni mattina vai a prendere il caffè.
Siamo prigionieri della tecnologia, un’invenzione che noi stessi abbiamo creato e che ci sta sfuggendo di mano.
Dobbiamo controllarci, darci dei limiti, dire basta quando è necessario e solo così potremo dare al mondo una tecnologia sicura e utile per il benessere umano.

1 Comment
  1. Manuel 8 anni ago

    Si sono completamente d’accordo con la tua opinione, ormai i social network ci hanno staccati totalmente dalla bellezza della realt

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account