Un oggetto di superficie circolare, di colore nero, con varie segnature circolari a loro volta su entrambe le superfici, superiore e inferiore: è il disco in vinile, riposto nelle soffitte dei nonni da anni e anni. Possibile stia tornando di moda, con tutte queste nuove tecnologie? Sarà anche vero, ma dipende anche da quale fascia di età si prende in considerazione: i giovani, ad esempio, sono disposti a tornare indietro nel tempo nel campo musicale? Tornare ai vinili vorrebbe dire tornare agli stereo di una volta, o meglio, ai giradischi di un tempo, ritornare quindi ad un mondo completamente diverso da quello dei giovani attuali, sempre alla rincorsa dell’ultima tecnologia. La bellezza di tenere un disco tra le mani e vederlo girare sul piatto non è comparabile ad una canzone dentro un cellulare o un iPod, ma nello stesso tempo non è assolutamente paragonabile alla comodità di poter avere sempre a portata di mano una miriade di brani musicali. Presa da questo punto di vista, la scelta è immediata da parte dei ragazzi: nella maggior parte dei casi, perlomeno, smartphone e tecnologia stravincono, ma ci sono sempre, come in ogni situazione, gli affezionati ai ricordi e al passato. I dati e le statistiche parlano diversamente e sembra che, in questo ultimi anni, i dischi in vinile si stiano facendo strada nel settore musicale: a quanto pare, stanno tornando sul mercato, anche con una bella quota, mai però paragonabile alla quota delle vendite della musica virtuale. Insomma, per quanto i dischi possano affascinare, i giovani preferiranno sempre e comunque la tecnologia e soprattutto la comodità.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account