Con “Millennials” si intende una generazione che è nata tra gli inizi degli anni Ottanta e i primi anni del 2000, perché presenta un numero elevato di natalità, e in Italia sono circa 11 milioni.
La maggior parte di coloro che sono nati in questo fascio d’età, sono in grado di utilizzare cellulari, tablet e ogni altro dispositivo elettronico, proprio perché sono nati mentre la tecnologia si stava già diffondendo.
Molti Stati, non solo d’Europa ma anche di tutto il mondo, hanno trovato vari modi per definirci, ad esempio la Cina ci identifica come “generazione mangia-anziani”, la Spagna come “Mileuristas”.
Se io dovessi inventare una definizione per identificarci, sceglierei “generazione tecnologica-nullafacente”.
Sembrerebbe un nome troppo scontato, ma è ciò che siamo davvero.
Siamo costantemente ai cellulari e navighiamo sempre su Internet: per studiare, distrarci e anche per una minima cosa che non ci servirebbe.
“Nullafacente” invece, perché ormai sentiamo sempre dire “i ragazzi d’oggi sono solo dei maleducati che pensano a divertirsi piuttosto che pensare al loro futuro”.
Non biasimo chi lo dice, perché è vero, anche se non tutti, o la maggior parte, non sono così.
Siamo privi di personalità, e diamo retta a tutto ciò che sentiamo o vediamo, senza ragionare per conto nostro.
Ormai niente è più come una volta, come ai tempi dei nostri genitori.
Un esempio che vediamo tutti i giorni?
Prima era l’uomo che corteggiava la donna, ora non è più così, o almeno, non sempre.
Infatti oggi le ragazze si avventano sul primo ragazzo carino che incontrano, seducendolo con il proprio corpo.
Non tutte hanno più i valori etici e morali di un tempo; pensano che la bellezza e l’aspetto fisico sia tutto quello che conta, senza capire che non è così, perché la bellezza, con il tempo passa, mentre ciò che rimane è la persona con i suoi valori.
Prima le ragazze si comportano in questo modo, e poi di lamentano di essere identificate dai ragazzi come degli oggetti da usare per soddisfare i loro piaceri.

0
Commenti
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Mi piace moltissimo il modo in cui hai deciso di affrontare l’argomento, lo stile

  2. maria28 5 anni ago

    Ciao dalla redazione ” Gli articolo 21 ” .
    Il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account