Per 28 anni, cioè dal 1961 al 1989, il muro di Berlino ha tagliato in due non solo una città, ma un intero paese. Era il simbolo del mondo diviso in due parti: la sfera sovietica e la sfera americana. Divenne il simbolo più crudele della Guerra Fredda. Era stata soprannominata la Striscia della morte dato che le guardie avevano il compito di sparare a chiunque avesse cercato di oltrepassare il muro. Dopo diverse settimane di disordini pubblici, il 9 Novembre del 1989, il Governo della Germania Est annunciò che erano permesse le visite alla città di Berlino Ovest. Dopo questo annuncio, infatti, la maggior parte della popolazione cominciò ad arrampicarsi sul muro per raggiungere l’altra parte della città. Durante le settimane successive, a poco a poco, il muro veniva demolito e portato via dalla folla e dai ricercatori di souvenir, tra l’altro ancora oggi c’è un gran commercio dei piccoli frammenti, il prezzo varia a seconda della loro grandezza. La caduta del muro di Berlino aprì la strada per la riunificazione tedesca che si concluse definitivamente il 3 Ottobre del 1990.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account