Non è detto che la lettura o informazione con piattaforme interattive escluda quelle cartacee, anzi penso che possano stare benissimo assieme. Certamente già oggi ma soprattutto domani sempre di più le generazioni, cresceranno immersi nel mondo di internet e faranno della rete il loro pane quotidiano. Il leggere come sapere, oggi arriva in tempo reale da fonti molto più variegate e a velocità estreme per cui anche solo come tempo di ricerca è molto meglio l’innovazione. D’altro canto però come si fa, dimenticare il senso di proprietà che ti da un tuo libro cartaceo, il piacere di tenerlo tra le mani, riempirlo di scritte, note e appunti. Sfogliarlo, vedere le pagine ingiallite e trovarsi ad ammirare un foglio,stampato o una fotografia ripensare a tutte le persone che prima di noi l’hanno visto e potuto toccare con mano.Quindi concordo pienamente con l’introduzione di nuove piattaforme, ma sempre nel rispetto del passato e della sua bellezza culturale. Saremo destinati certamente all’uso dei nuovi strumenti digitali per lo studio e il lavoro, ma non ci faremo mai mancare il nostro caro,vecchio libro cartaceo.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account