In uno Stato ritenuto “vecchio”, dove i giovani scarseggiano, si trasferiscono, cercano un futuro altrove, non potevano mancare coloro che approfittano di tale situazione. Già, purtroppo è così: i truffatori sono sempre più una realtà e gli anziani sempre più vulnerabili. Con l’avvento della tecnologia e della burocrazia all’insegna dell’informatica, persino quella classe di popolazione per ragioni anagrafiche più esperta della vita non riesce ad orientarsi, non sa di chi e come fidarsi e cade nelle grinfie dei malfattori. A questi ultimi si rischia di guardare con un poco, giusto un filo, di ammirazione per la capacità di sapersi travestire e soprattutto di recitare la parte di poliziotti o esattori, esibendo una sorta di superpotere riconducibile ai camaleonti. Superpotere fortunatamente non più apprezzato ma punito: il Partito Democratico ha varato una proposta di legge che condannerebbe i truffatori al carcere in base al reato commesso (nei confronti della popolazione di età avanzata). Il popolo italiano dovrebbe essere fiero di un tale provvedimento, ma ciò non significa che lo Stato abbia concluso il suo lavoro. Il problema andrebbe risolto alle radici, radici che affondano nella stessa amministrazione burocratica, se ci si riferisce al campo in cui avvengono la maggior parte delle ruberie. Parecchi anziani sono poco informati sugli attuali metodi di gestione finanziaria per quanto riguarda le pensioni e gli investimenti, oppure peccano di ingenuità in tema di sicurezza, quando a bussare alla porta di casa sono dei carabinieri. E non sapendo a chi rivolgersi, in particolare se si è vedovi o vedove, si crede a tutto, pur di non perdere la propria dignità facendo la figura degli “ignoranti”. L’effetto è contrario: si perdono risorse e nei casi gravi ci si vergogna a tal punto da arrivare al suicidio. Pazzesco, si direbbe, ma forse per far comprendere meglio questo fenomeno si potrebbe paragonarlo a quello del cyberbullismo tra gli adolescenti sui social network. Dunque solo sradicando la pianta i truffatori spariranno totalmente, ma per ora stiamo assistendo ad una lieve potatura.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account