Ormai nel mondo dello sport si vive con il dubbio di quanto sia vero il risultato sportivo ottenuto. Molti atleti, in particolare, per la fatica o lo stress si lasciano coinvolgere da medici che possono procurargli degli “aiutini” per migliorare le loro performance sportive. Questa “scorciatoia”, ovviamente, non è legale ma rappresenta una pratica sempre più in uso. In fondo, vincere facile piace a tutti.
Le federazioni sportive, molte volte, riescono a bloccare questi atleti che vengono penalizzati con squalifiche che possono anche rovinarne la carriera. Allora, gli interrogativi che mi pongo sono: perché? Dopo tanti sacrifici conviene rischiare la carriera e l’immagine acquisite?
La risposta è semplice. L’essere umano vuole sempre più di ciò che ha. Non si accontenta mai e, molte volte, tende a strafare pur di raggiungere gli obbiettivi prestabiliti, anche se con la consapevolezza di mettere a rischio la propria vita. Non solo quella sportiva, ma anche la vita vera, quella fisiologica. Le sostanze dopanti sono, infatti, potenzialmente nocive per l’organismo.
A mio parere, gli sportivi dovrebbero fare tutto quello che possono, utilizzando solo i propri mezzi e senza far ricorso a subdoli espedienti. Loro sono idoli per molti di noi, non possono deluderci così. Dovrebbero essere soddisfatti del proprio lavoro senza pretendere di più. Penso si apprezzi di più un atleta che prova a vincere con i propri mezzi rispetto ad uno che vince facendo uso di sostanze illegali.
Questo concetto, prettamente sportivo, può essere esteso a tutta l’umanità.
Gli uomini devono sempre fare ciò che riescono senza volere di più. Spesso, per cercare di ottenere più del possibile non si ottiene nulla, anzi, si perde molto.

Commenti
  1. Author
    wilcadu 7 anni ago

    Ciao elebyele2

    grazie del tuo commento e spero che il mio post abbia fatto riflettere almeno quelli che l’hanno letto perche la sana competizione dovrebbe essere sempre al primo posto senza nessun interesse di vincita e rispettare prima noi stessi e dopo gli altri concordo con la tua frase la vita conveniente non

  2. Author
    wilcadu 7 anni ago

    ciao malaga

    sono d’accordo infatti il mio post era fatto apposta perche ognuno di noi deve sprimere le proprie capacita senza volere soprafare perche si rischia di finire nella bufera delo doping e deludere molte persone e magari anche la famiglia

  3. malaga 7 anni ago

    Sono d’accordo con te
    Dovrebbero essere pi

  4. carpediem15 7 anni ago

    Meglio arrivare ultimi ma essendo consapevoli di non aver usato dopping o altre sostanze simili.Ormai tutti gli sportivi usano tutte queste sostanze. Sono d’accordo perch

  5. elebyele2 7 anni ago

    La sana competizione

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account