I videogiochi stanno letteralmente “divorando” la mente dei giovani giocatori, estraniandoli dalla realtà e rendendoli incapaci di distinguere la verità dalla finzione.
Chi è dipendente dal gioco non è più in grado di vivere lontano dalla console. Molti dei videogiochi più diffusi sono violenti e potrebbero incitare le menti più deboli a comportamenti aggressivi. Alcuni di questi sono vietati ai minorenni.
Proprio per salvaguardare i giocatori più giovani è stato introdotto il sistema PEGI: una classificazione dei contenuti presenti nei videogiochi. Resta comunque a discrezione del genitore l’idoneità del videogioco da acquistare per il proprio figlio. Il sistema PEGI prevede che alcuni videogiochi siano vietati ai minori a causa dei contenuti troppo violenti. Purtroppo i divieti rendono ancora più interessanti le cose proibite e diventa una sfida ottenerle.
Nonostante le proibizioni questi giochi si possono facilmente scaricare e sarebbe necessaria una supervisione continua da parte degli adulti per impedirne l’uso. È però difficile controllare un adolescente ventiquattro ore su ventiquattro e sarebbe sicuramente più utile creare delle alternative a questi giochi e proporre realtà diverse da quelle virtuali. Importantissime a questa età sono socializzazione e confronto con coetanei ed adulti.
In conclusione, i videogiochi non sono pericolosi, ma lo diventano quando costituiscono l’unico interesse di un ragazzo che dovrebbe crescere all’interno di una rete sociale.

0
Commenti
  1. sonia92 4 anni ago

    bravissima……….sono perfettamente daccordo con te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. pezzina1 4 anni ago

    Bellissimo! Sono daccordo con te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. andreasanta 4 anni ago

    Sono daccordo con le tue idee. Qualche volta per

  4. riccdesiree 4 anni ago

    Ciao,

  5. adolfina 4 anni ago

    Ormai si paragonano i videogiochi ad una droga, ed in certi casi lo sono. La continua critica negativa

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account