Il cyberbullismo coinvolge sempre più spesso adolescenti e preadolescenti, proprio per la delicatissima fascia d’età con devastanti risultati. I cyberbulli, spesso, a causa della ripetitività delle proprie condotte risultano poco comprensibili e faticano a percepire la sofferenza che prova la vittima ogni volta che viene presa di mira. Ma tutto questo viene visto come un gioco, ma non sanno che mettono a rischio vite di ragazzi, che cadono in depressione. Infatti il sito con più cause di cyberbullismo è ask.fm dove i ragazzi insultano altri ragazzi dietro l’anonimo e molti ragazzi si sono uccisi. Io credo che i ragazzi che ne sono vittime devono non rispondere alle offese ricevute, salvare i messaggi minacciosi e rivolgersi ai centri di ascolto preposti. I genitori, inoltre, possono aiutare i figli mostrandosi presenti e disponibili alla comunicazione, instaurare legami di fiducia anche con gli amici del proprio figlio per poter sapere anche i vari spostamenti del figlio che spesso nemmeno si conoscono.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account