Se io fossi un insegnante con gli alunni non sarei né troppo severa, né troppo buona, ma abbastanza equilibrata. Cercherei di ascoltare il più possibile le esigenze e i problemi dei miei alunni. Mi piacerebbe creare una strategia per far si di non essere costretto ad assegnare troppi compiti e argomenti da studiare, in quanto ognuno dovrebbe essere libero di godersi le amicizie e il passatempo. Se fossi un insegnate mi piacerebbe specializzarmi nei campi scientifici, come tutte le materie agrarie che ho imparato durante questi anni di scuola secondaria di secondo grado. Ecco un altro punto importante e fondamentale, credo sia di essere un docente preparato nella mia materia, che sa di cosa parla e non come molto spesso accade, di avere personale docente che si trova per la prima volta a parlare di chimica, fisica o altre materie. Solo così potrò fare piacere ai miei alunni una materia che io prima di loro ho amato, studiato e anche perchè no,”ODIATO”.L’importante è fare nella vita ciò che si vuole e non essere costretti.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account