Fra gli ultimi ritovati tecnologici, probabilmente quelli più importanti sono stati il cellulare e il computer. Per la maggior parte degli adolescenti, l’invenzione più utile è la prima, perché permette di essere in contatto in ogni momento con i propri amici, aggiornare i propri profili social velocemente, sapere ciò che sta succedendo nel mondo, svagarsi con dei giochi o scattare foto per ricordare determinati momenti. I primi cellulari compaiono nel 1970 circa, con la sola funzione di ricevere o fare delle chiamate; poi, con il passare degli anni, si è aggiunta la possibilità di inviare messaggi. A partire dagli anni ’90 approdano sul mercato commerciale gli smartphone (“cellulari intelligenti”, che possono inviare foto, video e file vocali o scaricare applicazioni con utilità diverse), ma solamente dal 2007 questi avranno la meglio nel settore tecnologico. È, quindi, da poco tempo che i cellulari hanno un ruolo fondamentale nella vita di ogni giovane, infatti la maggior parte di loro trascorre molto tempo con questo strumento: in media lo controllano 150 volte al giorno e prevalentemente per fare delle chiamate o inviare messaggi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account