La musica moderna sembra diventare sempre più violenta e cattiva, come ad esempio nella musica Hip-Hop. La gente si appassiona sempre di più a questa musica ribelle, perché considerata alternativa, ed è anche un modo di rispondere diverso e pesante, tanto da poter oscurare l’immagine di quella stessa persona. Molti Rapper lo fanno anche tra di essi, attraverso dei “dissing” o freestyle libero pieno di insulti, anche infondati. Il linguaggio usato è esagerato ovviamente, ma è proprio questo lo slogan del rap, ESAGERARE. Non solo il rap è considerato ribelle, ma anche alcune parti del pop, e molte invece del rock, che è stato il primo genere ribelle della storia, pieno di droghe, spaccio, prostitute, giro di soldi… A molti questo non piace giustamente, ma se non facessero tutto ciò allora sarebbero quei grandi artisti che oggi noi conosciamo. Prendiamo l’esempio di Syd Barret, chitarrista e fondatore dei Pink Floyd, che a causa di droghe e alcool il suo comportamento con il resto del mondo cambiò, diventando come un fantasma, e un artista più ribelle che mai. Un’altro esempio potrebbe essere quello di Frank Sinatra considerato come il più grande degli interpreti di tutti i tempi, il quale fu più volte accusato di avere dei rapporti con la mafia, ma mai condannato ufficialmente, il suo fascicolo aveva più di 2.400 pagine, ditemi un po’ voi se artisti come lui non erano ribelli. La musica ribelle libera le persone facendole sfogare, sentendosi dire da altri ciò che tenevamo dentro di noi da molto tempo, urlandolo al mondo interno. Un esempio di ribellione non apprezzata è successa anche qui in Italia pochi mesi fa su un artista rap italiano di nome Fabri Fibra, il quale fu il primo rapper italiano ad essere condannato, e costretto a risarcire un uomo picchiato durante un concerto da lui stesso con una somma di 2.000 €. Questo causò molte polemiche all’interno del web tra giustizia e fan. La morale della storia è: La ribellione condannata, porta sempre altra ribellione

1 Comment
  1. xxbelfo1999x 6 anni ago

    non male ma ricordati che una ribellione

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account