Eccoci puntuali con i temi della quarta settimana de ilquotidianoinclasse.it. Ricordate che questa è La settimana pazza e che i vostri post varranno doppio!

 

Gianna Fregonara ci parla di ecologia, di come conservare in salute il nostro pianeta.  In un articolo apparso sul Corriere della Sera dello scorso 12 novembre, firmato da Massimo Gaggi, si parla della storica intesa tra USA e Cina per la riduzione dei gas inquinanti. Si tratta di una svolta epocale, infatti, perchè per la prima volta questi due Paesi si sono impegnati nella lotta contro l’inquinamento terrestre, dal momento che erano rimasti fuori dal Protocollo di Kioto (con cui gli Stati aderenti si impegnavano a ridurre le emissioni inquinanti nei loro territorio).

 

La salvaguardia del pianeta riguarda tutti quanti noi e le nostre abitudini quotidiane. Ecco perchè la Fregonara vi chiede di stilare un decalogo, immaginando una vostra giornata tipo, e segnalare quali sono le vostre abitudini sbagliate. Ad esempio: lasciare la luce accesa in casa durante il giorno o quando non ci serve, utilizzare la macchina al posto dei mezzi pubblici, e così via. Dunque: quali sono le vostre 10 cattive abitudini in tema ambientale che dovreste cambiare e che potrebbero fare la differenza?

 

Massismo Esposti vi propone un tema molto serio, con cui tanti di voi saranno venuti a contatto attraverso le vicende personali di amiche e amici. Parliamo dell’anoressia e del terribile rapporto che molti adolescenti hanno con il cibo.

 

Si tratta di una vera e propria malattia, che colpisce ragazzi e ragazze che vogliono raggiungere una forma fisica che non hanno o perchè vogliono cambiare aspetto, dal momento che non si piacciono.

 

Esposti vi chiede di rivolgervi proprio a loro, ai vostri coetanei che stanno buttando via la propria vita a causa di questa orribile malattia: fate loro un appello!

 

Paolo Giacomin, prendendo spunto dalla vicenda di Fabiola Gianotti, recentemente nominata direttrice del CERN di Ginevra, cita le parole del discorso che ha rilasciato subito dopo la nomina: “Il nostro compito sarà quello di formare le nuove generazioni“.

 

Per questo Giacomin vi chiede: quanto sono importanti per voi queste parole? E soprattutto, cosa serve, dal vostro punto di vista, per riuscire a formare davvero le nuove generazioni?

 

Diteci cosa ne pensate!

 

 

14 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account