Ciao ragazzi, buon inizio di settimana! Iniziamo, come sempre, presentandovi i nuovi temi.

 

Gianna Fregonara vi propone di tornare ai fatti di Parigi di una decina di giorni fa, partendo da un articolo del Corriere della Sera del 14 gennaio, firmato da Stefano Montefiori.

 

Il giornalista ha intervistato, infatti, lo scrittore Michel Houellebecq, in occasione dell’uscita in Francia e in Italia del suo libro “Sottomissione”, che parla proprio del rapporto tra cultura e religione. Nell’intervista, che la Fregonara vi invita a leggere, si parla sia di libertà di opinione, di critica, di satira, che di religioni, del Cattolicesimo e dell’Islam.

 

Ecco, dunque, lo spunto per il tema della settimana di Corriere della Sera: secondo voi è giusto che a scuola si parli di più delle religioni, della loro storia, delle loro caratteristiche e delle loro differenze, o invece pensate che se ne debba parlare di meno?

 

 

 

Massimo Esposti anche questa settimana si trova al CRIF di Bologna, sempre in compagnia di Beatrice Rubini, responsabile dei dei dati in rete, per parlarvi del vostro passato e futuro digitale.

 

Forse in tanti non ci pensate quando pubblicate un aggiornamento sui vostri profili socialscattate delle foto che condividete immediatamente sulla rete, ma tutte queste informazioni parlano di voi e, soprattutto, lasciano il segno! Internet, infatti, ha una memoria molto lunga, spesso più della nostra: magari non ci ricordiamo che più di 10 anni fa abbiamo pubblicato una foto un po’ riservata o qualche altro dato personale, ma non dovremmo stupirci se sul web ce ne è ancora traccia!

 

Pensate a quando terminerete gli studi e dovrete cercare un lavoro: che cosa potranno trovare in rete su di voi le aziende, attraverso i loro responsabili del personale?

 

Muovendovi nella rete dovreste stare attenti a migliaia di insidie, tra cui il furto di identità, fenomeno per cui persone o organizzazioni malavitose si impossessano dei vostri dati per consegnarli a terzi o trarne vantaggi economici. Un esempio sono le cosiddette mail di fishing, ovvero mail che il più delle volte ci prospettano una vincita o un premio con il solo scopo, invece, di carpire i nostri dati personali o delle carte di credito.

 

Tutti questi sono solo alcuni esempi di come sia importante controllare e dosare al massimo le informazioni che diamo di noi su internet. E voi, come vi comportate? Ci pensate al vostro futuro e siete attenti al vostro passato digitale?

 

 

Paolo Giacomin ci ricorda che, come accade sempre nel mese di gennaio, l’anno nuovo parte con l’estrazione dei biglietti vincenti della Lotteria Italia, il concorso più famoso del Paese, che ci fa sognare premi milionari.

 

Per voi, ragazzi, cos’ è la fortuna? Siete mai stati baciati dalla dea bendata? Come si è manifestata, se è successo, nella vostra vita? Raccontateci i vostri aneddoti!

0 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account