ffffc062c196e0d4b975848506ed9f7c

Buongiorno ragazzi,
 
Oggi vi parliamo di un fenomeno diventato virale in rete nelle ultime settimane e che sicuramente conoscerete…il mannequin challenge!
 
Di cosa si tratta? Il mannequin challenge, come suggerisce il nome, è una sfida a rimanere immobili come manichini, e ha delle regole molto semplici: bisogna filmare il maggior numero di persone possibile completamente immobili, e aggiungere in sottofondo al video la canzone “Black Beatles” di Rae Sremmurd. Come ultimo passo, bisogna diffondere il video sui social network utilizzando l’hashtag #MannequinChallenge. 
 
L’origine è attribuibile ai college americani, il primo video di questo tipo, infatti, è stato pubblicato il 26 ottobre in una scuola della Florida: nel video si vedono per 45 secondi dei ragazzi “congelati” nell’atto di compiere un’azione. A partire da questo momento, le varie squadre sportive dei diversi atenei hanno iniziato a sfidarsi con video sempre più complessi e divertenti.
 
Da questo momento, la moda è diventata virale, dagli Stati Uniti si è rapidamente diffusa nel resto del mondo, e in breve hanno iniziato a partecipare alla sfida anche celebrità di ogni calibro.
 
Uno dei mannequin challenge più sensazionali è senza dubbio quello realizzato da Hillary Clinton  in occasione dell’Election Day americano, in cui la Clinton e il suo staff, accompagnati dal cantante Jon Bon Jovi,  restano immobili per qualche secondo per poi riprendere i normali movimenti, accompagnati dallo slogan: “Don’t stand still. Vote today”, ovvero “Non restate immobili, andate a votare oggi.”

 

Ma quello della Clinton non è un caso isolato. Uno dei video più famosi è il mannequin challenge realizzato dalla ormai ex First Lady americana Michelle Obama, che ha partecipato alla sfida accompagnata da LeBron James e dalla squadra di basket dei Cleveland Cavaliers.
 
Anche nel nostro paese la moda ha contagiato tutti, e ha partecipato alla sfida anche la squadra della Juventus, e la Fiat ha realizzato il mannequin challenge più grande d’Italia.

 

Un altro mannequin challenge da record è stato girato dal cantante canadese Justin Bieber durante il suo concerto a Bologna: Justin e i 15mila fans presenti presso il palazzetto dell’Unipol America sono rimasti immobili per partecipare alla moda del momento, e il video è diventato subito virale sui social.
 
Questa non è di certo la prima volta che un fenomeno del genere prende piede: vi ricordate dell’Harlem Shake? Nel 2013 il web era pieno di video in cui le persone si travestivano e ballavano questo tormentone del dj Bauuer.
 
Fenomeni virali come questo possono avere anche uno scopo benefico: nel 2014 per esempio, l’ALS Association aveva lanciato l’Ice Bucket Challenge, una sfida in cui i partecipanti dovevano farsi versare un secchiello di ghiaccio addosso per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi laterale amiotrofica e di stimolare le donazioni per la ricerca. Anche in questo caso, molte celebrità avevano preso a cuore la causa e l’Ice Bucket Challenge aveva fatto il giro del mondo.
 
Il mannequin challenge non ha alcuno scopo benefico, ma piace perché è divertente, e offre a chi decide di partecipare l’occasione per passare momenti piacevoli in compagnia degli amici, nel tentativo di rimanere tutti “congelati” nelle pose più divertenti e complicate.
 
E voi, cosa ne pensate di questo fenomeno? Avete già realizzato il vostro video per il mannequin challenge?

9 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account