f510b87b8c2efb5562be8c33f2bcd30d

Che lo si voglia considerare come un una simpatica bravata, o come una prova che l’arte vive grazie a chi visita i musei e all’interazione dello sguardo di chi osserva, il tumblr Museum of Selfies è senza dubbio piuttosto geniale!
 
Di cosa si tratta? Museum of Selfies è un blog nato dall’intuizione della giovane curatrice Olivia Muus che durante una visita alla National Gallery of Denmark a Copenhagen ha intuito l’ironia che un semplice gesto d’interazione con le opere poteva stimolare: bastano uno smartphone e una mano posizionata nel modo giusto per scatenare la fantasia e il divertimento.
 
Vi mostriamo qualche esempio.
 
Conoscete la nota Medusa di Caravaggio? Tutti sappiamo che lo sguardo spaventato è dovuto al fatto che Perseo, utilizzando il suo scudo per poter vedere la Gorgone le tagliò la testa uccidendola. L’interazione con la mano di chi fotografa fa pensare a scenari molto meno truculenti; Medusa starà facendo una boccaccia per un selfie? Oppure si starà specchiando nel suo smartphone trovandosi piuttosto spettinata e palesando il suo disappunto con questa espressione?

 

 
 

E che dire di questo perfettamente credibile selfie di gruppo?

 

 

Come il dipinto di queste due ragazze intente a pasteggiare l’effetto prodotto dall’anacronismo è straniante; i quadri immortalano spesso scene di vita quotidiana di determinate classi sociali e come i selfie ci descrivono abitudini e vizi di chi si faceva ritrarre.

 

 

Inoltre, fa riflettere e pensare con un certo filo d’ironia al fatto che i selfie ci sono sempre stati ma si chiamavano ritratti e autoritratti! Erano lo strumento perfetto per il personal branding di reali, future spose e borghesi arricchiti. Quale modo migliore per sfoggiare la propria centralità e il proprio ego nella società dell’epoca?

 

Attenzione, nemmeno le pitture religiose sono sono passate indenni sotto la lente dei visitatori dei musei. Che ne dite di questo sacro selfie di famiglia?

 

 

Volete partecipare anche voi a questa caccia al selfie nascosto potenzialmente in ogni opera d’arte? Inviatelo via mail a Olivia all’indirizzo e-mail museumofselfies@gmail.com o taggate le vostre immagini su instagram con #museumofselfies.

Inizia la caccia al tesoro!

0 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account