874e28ab2e4c1d9dce932cfb6e5cfe42

Buongiorno ragazzi,

oggi grazie alla gallery fotografica creata dai nostri amici di Focus Junior scopriremo quanto è cambiato il mondo nel giro di pochi anni. La tecnologia ha fatto passi da gigante, tanto che esistono ben 17 oggetti che voi, adolescenti degli anni duemila, non avete mai utilizzato.

Riuscireste a credere, ad esempio, che per ascoltare la musica in metro, in bici, o chiusi nella propria stanzetta i vostri coetanei degli anni novanta usavano il Walkman? Si tratta di una scatoletta in plastica che riusciva a leggere i brani incisi sulle musicassette, altro pezzo di antiquariato ormai, invitata dalla Sony nel 1979. Certo meno comodo dei vostri mini iPod da infilare nella tasca dei jeans.

 

Per ascoltare la musica in auto esistevano già le autoradio, ma non erano di certo come quelle di oggi. Nessuno utilizza più la larga fessura che avevano i modelli che vedete in foto. Era quella che serviva ad accogliere le audiocassette, oggi sostituite dai cd e dalle chiavette usb.

 

E se i telefoni non fossero stati sempre touch screen? Negli anni ’80 chiamare il proprio compagno di banco per chiedere l’assegno voleva dire inserire il dito nel foro del numero scelto e ruotare il disco a molla fino al fermo, sfilare il dito e poi comporre il numero successivo e così via fino a che il telefono dall’altra parte non prendeva a squillare.

 E se il sabato sera aveste voluto avvertire i genitori di un vostro ritardo? Inutile frugare nelle tasche perché ovviamente il cellulare non era ancora entrato in commercio. Come fare allora? La risposta è in questi gettoni di metallo che somigliano un po’  a quelli da inserire nelle giostre davanti ai bar. In realtà questi gettoni servivano per telefonare dai telefoni pubblici. Il loro costo era di 200 lire, circa 10 centesimi, e la loro forma era un po’ speciale. La scanalatura che li caratterizzava permetteva loro di entrare nella fessura del telefono pubblico situato nelle cabine trasparenti che ancora si incontrano per strada. Dal 2001 i telefoni a gettoni sono stati sostituiti da quelli a schede telefoniche e soprattutto dai nostri amati cellulari!

 

Quando dopo i compiti accendete la play pensate anche alla sua bisnonna. Si chiama Atari 2600 e nel 1977 fu un successo mondiale. Si tratta della prima console per video giochi da collegare alla tv. I giochi erano memorizzati su una speciale cartuccia , ovvero una scatolina da infilare nella fessura sul lato della console. Il gioco più acquistato in quegli anni? Ovviamente Pacman!

E restando in tema videogiochi provate ad immaginare di giocare con un dispositivo portatile senza connessione ad internet e senza la possibilità di cambiare gioco a proprio piacimento. Si chiamava Nintendo Donkey Kong Junior e fu lanciato negli anni ’80, composto da uno schermo molto piccolo in bianco e nero con zone colorate che dovevano simulare il colore.

I computer che oggi trovate anche in formato mini e portatile nel 1983 era molto simili a delle grosse scatole. Il primo ad avere successo negli uffici era stato inventato dall’azienda americana IBM. Il suo costo era pari a quello di un automobile e nonostante le sue dimensioni era meno potente di un comune telefono cellulare di oggi.

I video che  girate con il vostro cellulare un tempo si giravano con la speciale telecamera che vedete in foto. Nel 1965 la Kodak presentò un nuovo tipo di pellicola cinematografica, piccolissima e chiamata Super 8. Era studiata apposta per essere usata da chiunque inserendola  in piccole cineprese chiamate, appunto, Super 8. Grandi più o meno quanto tre scatole di videogiochi sovrapposte e pesanti più di un chilo, le cineprese Super 8 sono le antenate delle videocamere moderne. Potevano filmare al massimo per circa tre minuti.

Concludiamo la carrellata di oggetti dal passato con l’intramontabile macchina da scrivere. Antenata del computer a tutti gli effetti, ha aiutato gli studenti di tutto il mondo prima dell’avvento dei programmi di scrittura come Word. Alzi la mano chi non è ha mai vista una. Certo per cancellare gli errori era un po’ scomoda, ma il suo fascino è decisamente intramontabile.

E voi avevate mai visto questi oggetti? Vi aspettavate così tanti cambiamenti in così poco tempo? Tornereste indietro nel tempo per utilizzarne qualcuno?

 

0 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account