Crescere. Questa una delle parole che al giorno d’oggi preoccupa e spaventa i giovani. Ma per quanto mi riguarda crescere è ciò che aspetto da molto tempo. Nonostante io abbia compiuto da poco diciotto anni so che i miei genitori mi terranno ancora molto sotto controllo e non mi lasceranno prendere da sola delle decisioni importanti, perlomeno non senza averli prima avvisati e averne parlato bene con loro. Ma ciò che desidero io è avere finalmente quell’autonomia necessaria per decidere da sola e fare ciò penso sia giusto per me, affrontando tutte le conseguenze che ne possono derivare. Andare a studiare e lavorare all’estero è uno dei miei sogni, ma anche una delle cose che ai miei genitori non convince molto e so che quando riuscirò a realizzare questo grande desiderio avrò raggiunto il mio obiettivo. Sicuramente a volte essere considerati ”piccoli” ha i suoi vantaggi, non si hanno responsabilità e c’è sempre qualcuno pronto a darci una mano e tirarci fuori dai guai, ma con il tempo bisogna imparare a superare le difficoltà senza l’aiuto degli altri, imparare a crescere.

Mariantonietta De Michele

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account