Recentemente si sta molto dibattendo sull’effettiva privacy che i nostri moderni smartphone sono in grado di darci. Ormai, ognuno di noi è riuscito a mettere tutta la propria vita dentro a un telefono ( foto, dati personali ecc). Ma possiamo essere sicuri che tutto quello che scriviamo nei nostri telefoni sia effettivamente protetto e sicuro dallo sguardo altrui ? La tecnologia, infatti, ha permesso la creazione di grandi dispositivi in grado di fare molte cose, ma, dall’altra parte, ha anche creato un modo molto facile per poter scoprire le informazioni di una persona. I nostri telefoni hanno, infatti, pochissime misure di difesa contro gli hacker esperti, che, non solo, possono entrare nei nostri dati, ma che, addirittura, possono sfruttare le varie funzioni dello smartphone per sapere dove andiamo, cosa facciamo, anche ascoltarci, grazie all’ausilio del microfono del nostro telefono. I più esperti sanno anche recuperare quello che pensiamo di aver cancellato dal nostro telefono. Insomma, la situazione non è delle più favorevoli. I produttori di telefoni e tecnologia cercano sempre di convincerci che la sicurezza dei loro dispositivi aumenta a ogni aggiornamento; ma la verità è che sappiamo così poco di come questi dispositivi funzionano all’interno e di quello che gli hacker sono in grado di fare che non potremo mai essere certi di essere veramente tutelati nella nostra privacy. Il caso di Fbi contro la Apple è stato solamente uno, ma quante altre persone possono veramente guardare nei nostri telefoni?

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account