Donald Trump è diventato presidente degli USA da meno di una settimana, e già si è scatenato un putiferio in tutto mondo. Cittadini americani e non solo sono scesi nelle piazze più importanti per manifestare le prime decisioni prese da Trump nelle ultime ore. Una rabbia così grande nei confronti di un presidente non si era mai vista. Ci sono numerose prove che indicano la vittoria di Trump come, non democratica, dove a quanto è stato stabilito, tutto è stato deciso dal governo russo, per migliorare le condizioni sociali e politiche tra quest due grandi paesi.
La prima legge che è stato approvata dal Pentagono e proposta dal presidente, riguarda i paesi mussulmani che non avrebbero più gli stessi diritti di poter entrare in America come prima, molti di loro sono prima arrestati e poi rispediti nel loro paese, nella minor parte di loro invece hanno l’autorizzazione di poter entrare con un visto speciale, a caro prezzo tra l’altro. La cosa più assurda invece è che, dopo aver fatto tutto questo per motivi di sicurezza (O almeno da quel che dice Trump), paesi che forniscono armi ai terroristi tutti i giorni come l’Arabia Saudita, non sono per nulla ostacolati dalla nuova legge anti-arabo di Trump. Le persone protestano perché si ritene che i paesi poveri con legami terroristi non sono i benvenuti, ma quelli ricchi con sempre legami terroristici invece sono liberissimi. Oltre al fatto che queste persone vengono qui solo per cercare un futuro migliore per loro, tutto ciò è anche una enorme violazione dei diritti umani, dei quali Trump deve aver tralasciato per sbaglio, ma per i Sauditi non c’ è alcun problema… Indignati i cittadini ricordano più volte al presunto presidente razzista, che il loro popolo è stato creato da migranti , con politici e presidenti migranti, uccidendo qualunque persona che ostacolasse la loro invasione, si parla quindi di indigeni americani. Passare da un presidente nero, vincitore persino di un nobel per la pace che ha fatto molto per l’ambiente in America, a un presidente ritenuto “enormemente razzista” che chiude le frontiere americane e che crede che il surriscaldamento globale NON ESISTA è veramente uno shock per tutti noi.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account