the tampa bay estuary program BFAYxIirP9U unsplash scaled

Corriere Della Sera

Nicola Saldutti giornalista del Corriere della Sera vi parla di capitale umano e come farlo crescere. Dagli incentivi fiscali all’orientamento.

Il Sole 24 Ore

Luca Tremolada, giornalista del Sole 24 Ore, vi parla della povertà assoluta. Un tema delicatissimo di cui si sente sempre più spesso parlare.

Quotidiano Nazionale

Francesco Marinari, blogger di Quotidiano Nazionale, commenta le recenti alluvioni che sono avvenute in Toscana.

1 Comment
  1. Carmen 8 mesi ago

    A novembre spesso piove molto. E’ il mese più piovoso, in media in Italia, il mese in cui si registra una media di 121 mm a fronte di una media mensile nell’anno di 79 mm. Gli allagamenti di questi giorni in tutta la Toscana, come in tante altre parti d’Italia, sono fenomeni normali con i quali abbiamo dovuto sempre lottare. Non a caso il 4 novembre è la data in cui rievochiamo la “grande alluvione di Firenze” del 1966. E lo facciamo ricordando la distruzione terribile che non risparmiò né persone, né edifici, né opere d’arte ma anche la grande risposta collettiva della comunità locale e dei tanti giovani che da tutto il mondo vennero ad aiutare la città: i famosi “angeli del fango” che furono il prodromo del volontariato civile che oggi rappresenta il perno della nostra protezione civile, Una delle cose che funzionano meglio nel paese e di cui andare fieri a livello internazionale. il tema acqua rappresenta oggi un capitolo centrale nel Piano nazionale di adattamento: si tratta di intervenire rispetto al problema a doppia faccia della “poca acqua” e della “troppa acqua”, Cercando di recuperare sia i decennali ritardi in tema di investimenti pubblici e di governance generale, sia di rafforzare il sistema a fronte dei cambiamenti già in atto e che diventeranno sempre più attuali nel prossimo futuro. Solo per il tema acqua il piano di adattamento richiede investimenti significativi, sia pubblici che privati, per oltre 100 miliardi di euro. Si tratta di una cifra importante, ma che non supera le possibilità tecnico progettuali e finanziarie del paese. Il Piano di adattamento non è la risposta nervosa e immediata ad eventi disastrosi che si ripetono nel paese ma Un comportamento tipico e ricorrente fatto di grandi messaggi, di scarsi mezzi finanziari e di nessuna riforma nella governance e negli strumenti di messa a terra delle opere pubbliche. Il piano di adattamento deve essere una cosa seria, deve prevedere risorse di lungo periodo adeguate alla prevenzione delle tante criticità che già emergono oggi ed emergeranno sempre di più e deve prevedere una grande riforma in tema di coinvolgimento delle comunità, attraverso pratiche di informazione, formazione e azione, in tema di autoprotezione individuale e collettiva. Di fronte alle piogge “anomale”, piogge ad altissima intensità in luoghi ristretti, temporali autorigeneranti, flash flood e criticità varie, non sono sufficienti opere singole di difesa ma occorre creare un “sistema resiliente” fatto di opere di prevenzione integrate, di comportamenti adeguati e informati da parte delle comunità, di opere di autodifesa e di gestione olistica dell’acqua e dei fenomeni naturali. Inutile, tutte le volte che succede un evento disastroso, richiamare la responsabilità di un singolo o di una istituzione (il sindaco, il consorzio di bonifica, il metereologo, il gestore del fiume, chi doveva fare l’opera non fatta, chi doveva farla meglio, chi doveva dragare il fiume, chi lo ha dragato male e così via). Ai nuovi fenomeni si risponde con un sistema che deve funzionare nel suo complesso e che deve essere fatto di tanti interventi, strutturali e non strutturali, e che deve affrontare in maniera integrata le tre componenti del rischio: la pericolosità (opere infrastrutturali), l’esposizione (delocalizzazioni e limiti alla edificazione in aree critiche) e la vulnerabilità (sistemi di autodifesa, di allertamento, di formazione e informazione delle comunità). Di fronte alle situazioni drammatiche che hanno colpito la Toscana, una regione che, in un quadro nazionale di scarso impegno in tema di opere per la prevenzione del rischio idrogeologico, ha da sempre fatto la sua parte con investimenti sopra la media nazionale, emerge positivamente una tempestiva e adeguata risposta in termini di emergenza ma il sistema regionale appare poco resiliente rispetto ai nuovi effetti indotti dal cambiamento climatico. Non basta più la “buona volontà” della Regione e l’impegno innegabile degli altri soggetti istituzionali: dai consorzi di bonifica ai sindaci, dall’Autorità di bacino al Lamma. Occorre puntare più in alto e avviare, in Toscana in un nuovo quadro nazionale di impegno significativo, un Piano di adattamento che vada ad affrontare le grandi e le piccole criticità del sistema in maniera integrata e coordinata. Dopo decenni di “trastullamento” e di fronte a Governi che purtroppo hanno messo in priorità la ristrutturazione di edifici privati con risorse pubbliche, impegnando dai 100 ai 150 miliardi, occorre riorientare le priorità. La difesa del suolo e la lotta alla siccità sono temi centrali per la vivibilità della comunità nazionale. A meno di non voler continuare, a fonte di ogni ricorrente disgrazia per eventi naturali anomali ma ahinoi sempre più normali, con il solito teatrino fatto di messaggi roboanti e di interventi insufficienti o addirittura inesistenti. Con la malcelata previsione di rivedersi, con la stessa faccia da funerale, alla prossima disgrazia.

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account