895c802da7dc76311a16053073ac1c901

Il ministro dei beni e delle attività culturali Dario Franceschini ha da poco lanciato una bellissima iniziativa: Libriamoci. Ha suggerito a tutte le scuole di interrompere le lezioni e a dedicare il 29, 30 e 31 ottobre alla lettura e invitando «attori, registi scrittori, musicisti, editori, giornalisti, intellettuali e sindaci a dare la propria disponibilità» per leggere le proprie pagine favorite, o quelle suggerite da insegnanti e studenti.
 

 
L’iniziativa è nata per dare la possibilità agli studenti di appassionarsi alla lettura; come suggerisce il Ministro «in un mondo che va sempre più veloce questa è la chiave per far capire ai giovani il valore della lettura, che non può diventare veloce, non può essere multitasking, ma consente di usare per se stessi la risorsa in assoluto più limitata: il tempo». Il tempo per leggere come tempo per vivere e pensare.
 
«Con la complicità di scrittori, amministratori locali, fondazioni, biblioteche e associazioni culturali, la lettura entrerà nelle scuole in forme inedite». Un sito internet è stato allestito in modo da suggerire attività e da poter raccogliere le segnalazioni degli enti e delle scuole che decideranno di partecipare con le loro maratone di lettura.
 
Le iniziative di sensibilizzazione e avvicinamento alla lettura sono tanto più indispensabili quanto i dati relativi alla lettura sono scoraggianti: secondo il rapporto “L’Italia dei libri” solo un italiano su due ha letto almeno un libro nel 2011. Come si afferma nell’articolo de Il Sole 24 Ore nel 2012 «soltanto il 46% degli italiani ha letto almeno un libro, tra questi il 51,9% sono donne e il 39,7% uomini; per tracciare un paragone è utile sapere che tali numeri lievitano fino all’82% nel caso della Germania, al 70% in Francia mentre, in Spagna, il 61,4% degli intervistati si concede la lettura di (almeno) un libro».
 
Anche nelle vostre scuole seguirete il suggerimento del Ministro Franceschini? Se si, raccontateci come è andata nei commenti o su Twitter e Instagram utilizzando l’hashtag #unamoredilibro e menzionandoci (@qic_it).

 

6 Comments

Leave a reply

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account